Volevamo creare un’oasi

Studi per una struttura assistenziale per disabili

Vista del patio interno sull'alloggio

Volevamo creare un'oasi.
Per questo abbiamo proiettato le viste sulla campagna e, dove questo era impossibile, abbiamo ricreato una sorta di campagna artificiale.
Abbiamo posto un lungo muro di cemento in risposta alla strada, per isolare il complesso e celarlo alla caoticità dell'esterno, rendendolo una scoperta in divenire.
Un muro che però contraddittoriamente si piega per accogliere e si fora, puntualmente, quasi a ricordarci che dal mondo esterno e dai problemi non si può mai scappare... ma che attraverso i giusti accorgimenti questi possono essere meno amari.
Questo è quello che volevamo fare: rendere meno amare delle esistenze difficili.

Vista del portico-stoà

Vista del patio verso il viale

Vista del viale

Vista del volume degli spazi collettivi

Arch. Nicola Piacentini

Torna al blog

Altri spunti interessanti.

Montericco: idee su balza

06.07.2020

La residenza flessibile 3/3. Un prototipo

08.06.2020

La residenza flessibile 2/3. Un prototipo

01.06.2020

Questo sito utilizza cookie tecnici per una migliore esperienza e avere statistiche sull’uso. Per saperne di più o negare il consenso Privacy e Cookie

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi